Gran Torino sorpassa… ed è primo!

 

Gran Torino vince al box office

Chi la dura la vince. Il passaparola ha fatto il suo dovere, e dopo due settimane di identici piazzamenti, Gran Torino raggiunge la vetta del botteghino, con un incasso di oltre un milione e duecento mila euro.  Seconda posizione per il debuttante I mostri oggi, mentre al terzo gradino del podio troviamo la "numero 1" uscente, La matassa.

Nel resto della classifica, da segnalare l’ottimo esordio di Push, e quelli deludenti de Il caso dell’infedele Klara,  Racconti Incantati e Two Lovers.

Infine, escono dalla top-ten The Wrestler, The millionaire, Watchmen, I love shopping e Ponyo.

 
Settimana dal 23/03 al 29/03/2009:


Gran Torino € 1.258.659
I mostri oggi € 1.066.272
La matassa
€ 853.347
Diverso da chi? € 822.592
Push € 721.071
La verità è che non gli piaci abbastanza € 669.561
Il caso dell’infedele Klara € 467.589
Racconti incantati 378.294
The International € 288.745
10° Two Lovers € 267.885
Annunci

Le nuove uscite del weekend, tra favole e mostri

 
 

Racconti incantati

 
 
E’ una marea di titoli in uscita quella che si presenta nell’ultimo weekend di marzo. Anche oggi li passiamo in una veloce rassegna (ringraziamo l’ottimo MyMovies).
 

Cominciamo con I mostri oggi, pellicola di Enrico Oldoini che mette a nudo le fobie e i difetti di un’Italia dei giorni nostri, e che si rifà all’idea adottata in passato dai maestri Dino Risi, Mario Monicelli ed Ettore Scola. Commedia-raccoglitore, composta da sedici episodi, ed interpretata da Diego Abatantuono, Sabrina Ferilli, Giorgio Panariello, Claudio Bisio, Angela Finocchiaro, Carlo Buccirosso ed Ottavia Piccolo.

Ancora risate, stavolta in chiave fantastica, con Racconti incantati (QUI e QUI) di Adam Shankman. Adam Sandler veste i panni di un impiegato di un hotel che, iniziando a raccontare le sue "storie della buonanotte", si ritrova inspiegabilmente a riviverle nella realtà il giorno dopo. Nel cast anche Keri Russell, Guy Pearce, Courteney Cox, Teresa Palmer e Russell Brand.  

Two Lovers: Regia di James Gray. Con Gwyneth Paltrow, Joaquin Phoenix, Vinessa Shaw, Isabella Rossellini, Elias Koteas, Moni Moshonov, John Ortiz, Bob Ari, Julie Budd. Genere Drammatico, colore 100 minuti. – Produzione USA 2008. – Distribuzione Bim

Un uomo torna alla casa che gli ha dato i natali dopo aver tentato il suicidio e conosce due donne.

Fortàpasc: Regia di Marco Risi. Con Libero de Rienzo, Valentina Lodovini, Michele Riondino, Massimiliano Gallo, Ernesto Mahieux, Salvatore Cantalupo, Gigio Morra, Gianfranco Gallo, Antonio Buonomo, Duccio Camerini, Marcello Mazzarella, Daniele Pecci, Ennio Fantastichini, Renato Carpentieri, Gianfelice Imparato. Genere Drammatico, colore 108 minuti. – Produzione Italia 2008. – Distribuzione 01 Distribution

La vera storia di Giancarlo Siani, giovane cronista de “Il Mattino” ucciso dalla camorra a ventisei anni.

Il caso dell’ infedele Klara: Regia di Roberto Faenza. Con Claudio Santamaria, Iain Glen, Laura Chiatti, Kierston Wareing, Paulina Bakarova, Anna Geislerová, Miroslav Simunek, Zuzana Fialová, Dorota Nvotová, Daniela Merlo, Yemi Akinyemi, Dinah Geiger, Adriano Wajskol. Genere Commedia, colore – Produzione Italia 2009. – Distribuzione Medusa

Una vicenda di pedinamenti e adulteri, veri o presunti, un giallo passionale fatto di bugie, tradimenti e colpi di scena.

Il primo giorno d’inverno: Regia di Mirko Locatelli. Con Michela Cova, Mattia De Gasperis, Giuseppe Cederna, Andrea Semeghini, Teresa Patrignani, Alberto Gerundo. Genere Drammatico, colore 88 minuti. – Produzione Italia 2008.

Il film racconta l’adolescenza come passaggio critico, anche se la società e il consumo la presentano come età dell’allegria; indaga la solitudine in cui vive chi è un escluso come Valerio.

Teza: Regia di Hailè Gerima. Con Aron Arefe, Abiye Tedla, Takelech Beyene, Teje Tesfahun, Nebiyu Baye. Genere Drammatico, colore 140 minuti. – Produzione Etiopia, Germania, Francia 2008. – Distribuzione Ripley’s Film

Dopo aver completato gli studi universitari in Germania, Anberber fa ritorno nella natìa Etiopia. Spera di poter fare qualcosa per il suo paese, ma le cose sono cambiate.

Dall’altra parte del mare: Regia di Jean Sarto. Con Galatea Ranzi, Vitaliano Trevisan, Fulvio Falzarano, Giordana De Santis, Viviana Di Bert, Alessandra Battisti, Tony Allotta, Paolo Summaria, Dino Castelli. Genere Drammatico, colore 80 minuti. – Produzione Italia 2009.

Il regista teatrale Abele è chiamato ad allestire a Trieste un’opera teatrale dedicata alla Shoah. Le varie prove di messa in scena divengono presto per tutti gli attori un canale di confessione per esprimere le loro riserve.

Push: Regia di Paul McGuigan. Con Chris Evans, Dakota Fanning, Camilla Belle, Cliff Curtis, Djimon Hounsou, Maggie Siff, Joel Gretsch, Hal Yamanouchi, Scott Michael Campbell, Neil Jackson, Nate Mooney, Colin Ford, Corey Stoll, Brandon Rhea. Genere Azione, colore 120 minuti. – Produzione USA 2009. – Distribuzione Eagle Pictures

Un affascinante thriller sullo spionaggio di un gruppo di persone che ha trovato il modo di muovere gli oggetti con il pensiero, prevedere il futuro, creare nuove realtà e uccidere senza toccare le vittime.

Legami di sangue: Regia di Paola Columba. Con Giovanni Capalbo, Cristina Cellini, Andrea Dugoni, Pino Rugiano, Arnoldo Foà. Genere Drammatico, colore 92 minuti. – Produzione Italia 2009.

All’interno di una famiglia contadina di oggi, sospesa tra medioevo e modernità, tre fratelli e una sorella si contendono una misera eredità. Visceralmente uniti dall’amore, arriveranno ad odiarsi.

Cenci in Cina: Regia di Marco Limberti. Con Francesco Ciampi, Alessandro Paci, Man Lo Zhang, Barbara Enrichi, Massimo Ceccherini, Pamela Camassa, Novello Novelli, Carlo Monni, Niki Giustini, Laura Pestellini. Genere Commedia, colore – Produzione Italia 2009.

Un’azienda tessile in crisi gestita da due fratelli toscani sta per essere acquistata da una bella e intelligente imprenditrice giapponese, ma i lavoratori si ribellano alla cessione.

Dead of night: Nuovi dettagli sul film di Dylan Dog

  
 

Dylan Dog - Il film

 
 
 
 
Nuovi particolari rivelati su Dead of Night, la pellicola diretta da Kevin Munroe ed ispirata al celebre fumetto italiano Dylan Dog (QUI, QUI, QUI e QUI).

Dopo aver letto la notizia che rivela la parte dell’indagatore dell’incubo affidata a Brandon Routh, il sito Shocktillyoudrop ci anticipa altri due ingressi nel cast di questo adattamento in salsa sovrannaturale: Sam Huntington (Superman Returns) interpreterà il fido Groucho, mentre il ruolo del principale antagonista del nostro eroe, il capo di un gruppo di vampiri,  è  andato a Taye Diggs (Go – Una notte da dimenticare).

Le riprese del film sono appena iniziate a New Orleans.

I 100 film da vedere prima di morire secondo Yahoo

http://www.facebook.com/plugins/likebox.php?id=344404910911&width=292&connections=0&stream=false&header=false&height=62

 

 

 

Le 100 pellicole che non ti puoi perdere
 
 
 
Quali sono i film che non puoi non aver mai visto nella tua vita?

A questa domanda hanno pensato di rispondere i collaboratori dello staff di Yahoo Movies, stilando una classifica delle 100 pellicole considerate "essenziali" per il panorama cinematografico mondiale. La selezione tiene conto soprattutto dell'importanza storica e dell'impatto culturale dei prodotti. Come potete notare, i signori del portale hanno inserito anche il meraviglioso, nonchè molto considerato in questo posto, Ricomincio da capo.

Ecco a voi, dunque, i 100 film da vedere assolutamente prima di morire, secondo Yahoo.

 


La parola ai giurati (12 Angry Men) (1957)
2001: Odissea nello spazio (2001: A Space Odyssey) (1968)
I quattrocento colpi (The 400 Blows) (1959)
Otto e mezzo (1963)
A Hard Day’s Night (1964)
La Regina d'Africa (The African Queen) (1952)
Alien (1979)
Eva contro Eva (All About Eve) (1950)
Io e Annie (Annie Hall) (1977)
Apocalypse Now (1979)
The Battle of Algiers (1967)
The Bicycle Thief (1948)
Blade Runner – Pioggia sporca (1982)
Mezzogiorno e mezzo di fuoco (Blazing Saddles) (1974)
Blow Up (1966)
Velluto Blu (Blue Velvet) (1986)
Gangster Story (Bonnie and Clyde) (1967)
Breathless (1960)
Il ponte sul fiume Kwai (The Bridge on the River Kwai) (1957)
Susanna (Bringing Up Baby) (1938)
Butch Cassidy (Butch Cassidy and the Sundance Kid) (1969)
Casablanca (1942)
Chinatown (1974)
Quarto Potere (Citizen Kane) (1941)
La tigre e dragone (Crouching Tiger, Hidden Dragon) (2000)
Trappola di cristallo (Die Hard) (1988)
Fà la cosa giusta (Do the Right Thing) (1989)
La fiamma del peccato (Double Indemnity) (1944)
Il Dottor Stranamore (Dr. Strangelove or: How I Learned to Stop Worrying and Love the Bomb) (1964)
La guerra lampo dei Fratelli Marx (Duck Soup) (1933)
E.T. L'Extraterrestre (1982)
I 3 dell’operazione Drago (Enter the Dragon) (1973)
L'Esorcista (The Exorcist) (1973)
Fuori di testa (Fast Times At Ridgemont High) (1982)
Il braccio violento della legge (The French Connection) (1971)
Il Padrino (The Godfather) (1972)
Il Padrino – Parte II (The Godfather, Part II) (1974)
Agente 007, Missione Goldfinger (Goldfinger) (1964)
Il buono, il brutto e il cattivo (The Good, the Bad, and the Ugly) (1968)
Qui bravi ragazzi (Goodfellas) (1990)
Il laureato (The Graduate) (1967)
La grande illusione (Grand Illusion) (1938)
Ricomincio da capo (Groundhog Day) (1993)
In the Mood For Love (2001)
Accadde una notte (It Happened One Night) (1934)
La vita è una cosa meravigliosa (It’s a Wonderful Life) (1946)
Lo squalo (Jaws) (1975)
King Kong (1933)
Lady Eva (The Lady Eve) (1941)
Lawrence d'Arabia (Lawrence of Arabia) (1962)
La trilogia de Il Signore degli Anelli (The Lord of the Rings) (2001,2002,2003)
M, il mostro di Düsseldorf (M) (1931)
M*A*S*H (1970)
Il mistero del falco (The Maltese Falcon) (1941)
Matrix (The Matrix) (1999)
Tempi moderni (Modern Times) (1936)
Monty Python  e il Sacro Graal (Monty Python and the Holy Grail) (1975)
Animal House (National Lampoon’s Animal House) (1978)
Quinto Potere (Network) (1976)
Nosferatu (1922)
Fronte del porto (On the Waterfront) (1954)
Qualcuno volò sul nido del cuculo (One Flew Over the Cuckoo’s Nest) (1975)
Orizzonti di gloria (Paths of Glory) (1958)
Princess Mononoke (1999)
Psycho (1960)
Pulp Fiction (1994)
Toro scatenato (Raging Bull) (1980)
I Predatori dell'Arca Perduta (Raiders of the Lost Ark) (1981)
Lanterne Rosse (Raise the Red Lantern) (1992)
Rashomon (1951)
La finestra sul cortile (Rear Window) (1954)
Gioventù Bruciata (Rebel Without a Cause) (1955)
Rocky (1976)
Vacanze Romane (Roman Holiday) (1953)
Salvate il Soldato Ryan (Saving Private Ryan) (1998)
Schindler’s List (1993)
Sentieri selvaggi (The Searchers) (1956)
Seven Samurai (1954)
Le ali della libertà (The Shawshank Redemption) (1994)
Il silenzio degli innocenti (The Silence of the Lambs) (1991)
Cantando sotto la pioggia (Singin’ in the Rain) (1952)
Biancaneve e i sette nani (Snow White and the Seven Dwarfs) (1937)
A qualcuno piace caldo (Some Like It Hot) (1959)
Tutti insieme appassionatamente (The Sound of Music) (1965)
Guerre Stellari (Star Wars) (1977)
Viale del tramonto (Sunset Blvd.) (1950)
Terminator 2: Judgment Day (1991)
Il terzo uomo (The Third Man) (1949)
This is Spinal Tap (1984)
Titanic (1997)
Il buio oltre la siepe (To Kill a Mockingbird) (1962)
Toy Story (1995)
I soliti sospetti (The Usual Suspects) (1995)
Vertigo (1958)
Harry ti presento Sallyt (When Harry Met Sally…) (1989)
Il posto delle fragole (Wild Strawberries) (1957)
Il cielo sopra Berlino (Wings of Desire) (1988)
Il mago di Oz (The Wizard of Oz) (1939)
Women on the Verge of a Nervous Breakdown (1988)
Apu Sansar (The World of Apu) (1959)

 

 

 

Fonte: /film

 

 

La matassa resiste ed è ancora in vetta!

 

La matassa resta primo!

Seconda settimana in vetta al botteghino per La matassa, la commedia del duo Ficarra e Picone che, così come una settimana fa, precede la pellicola di Eastwood, Gran Torino. Terza gradino del podio per il debuttante Diverso da chi?.

Nel resto della classifica, da segnalare il prevedibile scivolone di Watchmen (da terzo ad ottavo),  e gli ottimi debutti di Ponyo sulla scogliera e La verità è che non gli piaci abbastanza.

Infine, resistono ancora in top-ten The Wrestler e The Millionaire, mentre escono Benjamin Button, Nemico publico n.°1, Due partite e La pantera rosa 2.

 
Settimana dal 16/03 al 22/03/2009:


La matassa € 1.745.767
Gran Torino € 1.416.857
Diverso da chi?
€ 1.036.001
La verità è che non gli piaci abbastanza € 1.000.322
The International € 433.099
Ponyo sulla scogliera € 236.767
I love shopping € 222.333
Watchmen 215.098
The Millionaire € 172.452
10° The Wrestler € 162.586

Nuove uscite: Tutti i volti della società, tra inseguimenti internazionali e dolcezza d’animo

 
 
La verità è che non gli piaci abbastanzaAltra carellata di pellicole, soprattutto italiane, in questo primo weekend di primavera.

Cominciamo con The International, thriller diretto da Tom Tykwer ed interpretato, tra gli altri, da Clive Owen e Naomi Watts. Un agente dell’Interpol e l’assistente del Procuratore Distrettuale di Manhattan, si spostano in diverse città, tra cui Milano, Istanbul e New York, per far luce su un illecito che vede coinvolta una delle più importanti banche mondiali.

Risate dal sapore romantico con La verità è che non gli piaci abbastanza, di Ken Kwapis. Storia di un gruppo di ragazzi di Baltimora, tutti di età compresa tra i 20 e i 30 anni, alle prese con vicende sentimentali, tra equivoci e colpi di scena. Nel cast, tra gli altri, troviamo Drew Barrymore, Jennifer Connelly, Jennifer Aniston, Scarlett Johansson, Ben Affleck e Ginnifer Goodwin.

Un’altra commedia, stavolta in lingua italiana e dagli spunti di riflessione ben diversi, è quella diretta da Umberto Carteni, Diverso da chi?. Piero è un 35enne gay, felicemente fidanzato con Remo, e novello candidato sindaco in una cittadina del nord-est. Dovrà vincere i pregiudizi della sua terra, e vedersela con i diversi punti di vista della collega di partito Adele, legata ai valori tradizionali. Con Luca Argentero, Claudia Gerini e Antonio Catania.

Cinema nipponico nelle sale, questa settimana, con Ponyo sulla scogliera, di Hayao Miyazaki. Il piccolo Sosuke incontra un giorno Ponyo, una pesciolina rossa che sogna di diventare un’umana.

Ancora cinema Made in Italy con L’ultimo Crodino, di Umberto Spinazzola. Ispirato ad una storia vera, il film racconta l’esperienza di due abitanti di Condove, in difficili condizioni economiche, che decidono di "sequestrare" la bara del Presidente onorario di Mediobanca, al fine di chiederne il riscatto. Una commedia tragi-comica interpretata, tra gli altri, da Ricky Tognazzi, Serena Autieri, Enzo Iacchetti, Dario Vergassola e Giobbe Covatta.

Così come il film di Carteni, anche Aria porta sul grande schermo il tema della diversità sessuale attraverso il racconto di un uomo che sogna di fare il pianista e che si trova a dover affrontare il suo animo femminile in una società che fatica ad accettarlo. Regia di Valerio D’Annunzio, con Roberto Herlitzka, Galatea Ranzi ed Agnese Nano.

Chiudiamo con Impotenti esistenziali, film ad episodi diretto da Giuseppe Cirillo ed incentrato sulle differenti sfaccettature della società odierna, tra razzismo ed amore, vizi ed ipocrisia. Con  Antonella Ponziani, Tinto Brass, Alvaro Vitali e Sandra Milo.

THE WRESTLER

The WrestlerC’è un mondo, non distante da quello che siamo abituati a percepire e a vivere, in cui conta esclusivamente l’immagine di facciata. Un mondo dove non ha importanza quanto sia sporco il parabrezza della tua auto, o dove sei stato costretto a dormire la scorsa notte. Dove a nessuno interessa quello che senti dentro e quello che stai cercando da una vita intera. In questo mondo artefatto conta soltanto il personaggio che interpreti sul quadrato, al centro di un’arena piena di tifosi in festa. E più sei bravo e credibile, più sali in alto, verso l’Olimpo della gloria dello showbiz. Paradossalmente, però, il successo origina in te un meccanismo a spirale che ti catapulta verso il basso, intrappolato nel personaggio che porta ad annullarti in nome di una disciplina spettacolare, e che finisce per lasciarti solo. Questo è il mondo di un wrestler.

Randy "The Ram" Robinson è un lottatore, molto conosciuto negli anni ottanta, che adesso sopravvive esibendosi in piccole arene di periferia, sfruttando quel passato glorioso che i fans dimostrano di non aver mai dimenticato. Lo spirito nostalgico e la  semplicità d’animo hanno fatto in modo che il suo stile di vita restasse immutato nel tempo, e questo lo rende del tutto inadeguato al contesto egoista che lo circonda. I gruppi rock degli anni ottanta non ci sono più e la console Nintendo ad 8 bit è ormai superata da un pezzo. Nemmeno l’amore è più lo stesso, come dimostra il comportamento di Cassidy, suo faro-guida, che gli nega la naturalezza di un rapporto più confidenziale e gli fa notare come lui sia, per lei, soltanto un cliente. Il mondo, insomma, non gira come Randy vorrebbe. E sebbene lui provi più volte a cambiare ed adattarsi alle situazioni, i suoi tentativi di raggiungere la felicità falliscono miseramente.

Il ruolo di anti-eroe solo e frustrato si dimostra perfetto per un Mickey Rourke, nell’occasione, particolarmente ispirato. Il suo volto segnato, che trasuda dolore, evidenzia come quest’uomo abbia avuto un passato per certi versi simile a quello del protagonista. Anche Rourke, come Randy, prova a rialzarsi dopo le delusioni e le difficoltà della vita che hanno provato a mandarlo al tappeto. Una prova magistrale, dunque, che rilancia l’attore dopo un periodo buio e che ha il sapore della rivincita personale.
Restando in tema di recitazione, il film ci offre anche il sorriso meraviglioso e raggiante di Marisa Tomei, qui nei panni della spogliarellista Cassidy, compagna volubile di Randy e donna del desiderio di quella parte della società fatta di sconfitti e falliti.

Darren Aronofsky (Requiem for a dream, The Fountain) ci mostra un lavoro che richiama continuamente le atmosfere elettrizzanti degli anni ottanta. Il regista si avvale, fin dai titoli di testa, di brani rock molto forti in stile vintage che hanno soprattutto una valenza nostalgica. Nostalgia di un’epoca lontanissima ribadita anche dai secchi colpi di tosse di Randy, subito dopo la carellata di vecchi articoli di giornale, e che mettono in chiaro immediatamente come la realtà di un atleta sia ben diversa da quella vissuta sotto i riflettori della scena. Girato a metà tra documentario e denuncia sociale, Aronofsky ha il merito di approfondire, senza esagerare, le molteplici sfaccettature di questo mondo, mostrando l’organizzazione di una struttura che va aldilà di quello che viene mostrato sul ring. Superlativo, in tal senso, il segmento che mostra le fasi di un match con regole estreme, intervallate dalle conseguenze che gli spot provocano ai wrestler coinvolti.
Unica pecca stilistica viene rilevata nell’utilizzo piuttosto snervante della telecamera da spalla, con una smisurata dose di frenesia che rischia di ridimensionare un lavoro che di punti positivi ne ha davvero tanti. 

The Wrestler è un film genuino e sincero sul cammino di un uomo che ha fatto dell’onore e del rispetto verso il proprio pubblico il suo "Credo di vita". Un ritratto malinconico basato sul dolore fisico ed emotivo di un uomo solo che piange e si dispera ma che, fino alla fine, vive per quel veleno, per quell’unica magia che gli riesce bene. E quando Il Boss inizia a cantare, sui titoli di coda, ciò che resta negli occhi è quell’immagine: Randy  "The Ram" che si appresta a volare nella leggenda. Per sempre.

 
Citazioni:

"Li senti? E’ questo il mio mondo… Devo andare."