NOTTE BRAVA A LAS VEGAS

 

 

Notte brava a Las VegasNew York. Joy è una broker, innamorata persa del suo compagno per il quale tenta ogni giorno di raggiungere il supposto grado di perfezione. Jack è un costruttore in legno che lavora nella fabbrica del padre e che vive le sue giornate senza alcuna pianificazione preventiva. Mollata dal fidanzato (lei), e perso il lavoro (lui), i due si ritrovano a cercare riscatto personale a Las Vegas, la Sin City d'America. In seguito ad un incontro casuale, Jack e Joy vivono insieme una notte di divertimento senza limiti che avrà il suo epilogo la mattina seguente, quando i due si ritroveranno… marito e moglie! 

 

 

 

Di commedie come Notte brava a Las Vegas ce ne sono tantissime ormai, molte delle quali sfornate negli ultimi dieci anni. Sono quelle che seguono il plot schematizzato del "Conoscenza/Convivenza/Equivoco/Innamoramento" e che già verso la metà iniziano a far capire la piega che prenderà la storia. Diciamo pure che questo genere di film ha il finale così scontato che si potrebbe addirittura evitare di vedere l'ultimo quarto d'ora. Malgrado ciò, Notte brava a Las Vegas presenta una serie di elementi a favore che le permettono di superare la sufficienza a pieni voti. 

 

Innanzitutto le musiche: Fin dai titoli di testa, con Grace Kelly di Mika, la musica aiuta lo spettatore a calarsi nel contesto new yorkense. Ogni canzone fa da buon contorno alla scena in cui la si ascolta, contribuendo al completamento della stessa ed a mantenere moderatamente alta l'attenzione dello spettatore (non ci si addormenta almeno!). 

 

Il cast. Malgrado i protagonisti, Cameron Diaz (Tutti pazzi per Mary) e Ashton Kutcher (The butterfly effect), mostrino una buona alchimia,  il vero piatto forte della pellicola è offerto dalle due spalle: Rob Corddry (Lo spaccacuori) e Lake Bell (Il prezzo dell'onore), rispettivamente nel ruolo dell'avvocato-amico Hater e dell'amica del cuore Tipper, sfoderano una serie di botta e risposta davvero spassosi ed in grado adattarsi allo stile demenziale ed eccessivamente inverosimile che il regista, Tom Vaughan, ha proposto. 

 

Per concludere, Notte brava a Las Vegas non si differenzia dalle altre pellicole del genere, alternando sequenze che rasentano la banalità e il ridicolo ad alcune trovate divertenti e carine. Il susseguirsi degli eventi, però, e la buona prova degli attori riescono a mantenere lontana la monotonia e lasciano che il film scorra via piacevolmente. D'altronde, come già detto altre volte,  se andate a vedere una commedia demenzial-romantica siete già preparati al tipo di serata che passerete. E, per questo, la pellicola va promossa.

 

Punti di forza: Le musiche; i co-protagonisti; alcune sequenze esilaranti


Punti deboli: Plot non originale; qualche trovata estremamente inverosimile

Annunci

Nuove uscite: Torna Jigsaw. E domani debutta Iron Man

Debutta Saw IV



Saw IV:
Regia di Darren Lynn Bousman con Tobin Bell, Scott Patterson, Betsy Russell, Costas Mandylor, Lyriq Bent. Genere Horror, produzione USA, 2007. Durata 94 minuti circa.

Jigsaw e la sua assistente Amanda sono morti. Alla notizia dell’omicidio del detective Kerry, arrivano al distretto di polizia ormai vuoto due agenti dell’FBI esperti in profili criminali, Strahm e Perez. Il loro compito è aiutare il detective Hoffman a scoprire l’ultimo efferato gioco di Jigsaw e rimettere insieme i pezzi del puzzle. Ma il comandante della SWAT Rigg viene improvvisamente rapito. Coinvolto nel gioco di Jigsaw, ha solo 90 minuti per risolvere una diabolica serie di trappole interconnesse… o affrontare le mortali conseguenze. La ricerca di Rigg in tutta la città lascia dietro di sé una scia di cadaveri e il detective Hoffman e l’FBI scoprono una serie di indizi misteriosi che portano alla ex moglie di Jigsaw, Jill.

The Hunting Party: Regia di Richard Shepard con Richard Gere, Terrence Howard, Jesse Eisenberg, James Brolin, Ljubomir Kerekeš. Genere Azione, produzione USA, Croazia, Bosnia-Herzegovina, 2007. Durata 103 minuti circa.

Un famoso e spregiudicato giornalista di guerra e il suo cameraman hanno condiviso una bella fetta di lavoro e di vita fra le trincee di mezzo mondo. Ma il conflitto jugoslavo travolge le loro vite. Sconvolto dalle atrocità a cui ha assistito e dalla morte della donna che amava, trucidata nel suo villaggio bosniaco, Gere perde il controllo in diretta tv e si gioca la carriera. Mentre lui continua a rischiare la pelle girando le zone di guerra da free lance, il compagno di un tempo si imborghesisce e fa carriera al seguito di un famoso anchor man. Ma quando Gere concepisce il folle progetto di catturare un criminale di guerra bosniaco che né Nato né Onu sembrano avere interesse a stanare, le loro strade si ricongiungono.

Sotto le Bombe:
Regia di Philippe Aractingi con Nada Abou Farhat, Georges Khabbaz, Rawya El Chab, Bshara Atallah. Genere Drammatico, produzione Francia, Gran Bretagna, Libano, 2007. Durata 98 minuti circa.

Libano, 2006. All’indomani dell’annuncio del cessate il fuoco tra l’esercito israeliano e i militanti Hezbollah, Zeina parte da Dubai alla ricerca disperata della sorella e del figlio. Giunta in Libano, attraverso la Turchia, incontra un tassista disposto a condurla per trecento dollari nel sud del paese. Tony e Zeina intraprenderanno un viaggio nel cuore di una terra martoriata dalle bombe, imparando a conoscersi e affrontando insieme un futuro incerto.

Sopravvivere coi lupi: Regia di Vera Belmont con Mathilde Goffart, Yaël Abecassis, Guy Bedos, Michèle Bernier, Benno Fürmann. Genere Drammatico, produzione Francia, 2007. Durata 90 minuti circa.

Misha è una bambina ebrea costretta a nascondersi coi genitori nel Belgio occupato dai nazisti. Rimasta sola, in seguito ad un rastrellamento della Gestapo, viene accolta come sguattera e in cambio di denaro da una famiglia della provincia di Bruxelles. La paura di essere denunciata alla polizia e il desiderio di ritrovare i suoi genitori, deportati nell’est d’Europa, la spingeranno ad affrontare un interminabile viaggio in compagnia di una bambola e di un branco di lupi.

Racconti da Stoccolma: Regia di Anders Nilsson con Oldoz Javidi, Lia Boysen, Reuben Sallmander, Per Graffman, Bibi Andersson. Genere Drammatico, produzione Germania, Svezia, 2006. Durata 133 minuti circa.

Quando scende la notte Stoccolma si scopre intollerante e violenta. Dentro le case e fuori, sulle strade, esplode l’odio incontrollato di padri, mariti, fratelli. In una di queste notti si incrociano i destini di Leyla, figlia di una numerosa famiglia mediorientale, cresciuta secondo un rigido codice morale e religioso, Carina, madre generosa e giornalista di talento, umiliata dalle parole e dalle percosse di un marito meschino e geloso, e Aram, giovane proprietario di un locale, innamorato di uno degli uomini della sicurezza. Con modi e tempi diversi, Leyla, Carina e Aram impareranno a difendersi e a reagire ai soprusi.

(Dal 1 maggio) Iron-Man: Regia di Jon Favreau con Robert Downey Jr., Terrence Howard, Jeff Bridges, Shaun Toub, Gwyneth Paltrow. Genere Azione, produzione USA, 2008. Durata 126 minuti circa.

Anthony Stark è un inventore geniale e miliardario col vizio delle donne (tante) e delle attività filantropiche. Ereditato patrimonio e ingegno dal padre scomparso in un incidente d’auto, Tony (per amici e amichette) conduce e amministra le Industrie Stark, produttrici e prime fornitrici di armi per il governo americano. Durante un test in medioriente, per verificare l’efficienza di un’arma sperimentale, viene catturato da un gruppo di estremisti. Ferito al cuore da una scheggia è soccorso e curato da Yinsen, un fisico esperto di cibernetica che gli applica un organo artificiale. Obbligato dai guerriglieri a costruire un’arma invincibile per la loro causa, Tony progetta in segreto un’armatura per fuggire alla prigionia. Rientrato negli Stati Uniti è deciso a cambiare vita, a riparare alle ingiustizie e a "industriarsi" a favore dei più deboli.

Fonte: MyMovies

3ciento: Quando il trash domina il botteghino!


Settimana dal 21/04 al 27/04/2008:

3ciento – Chi l’ha duro… la vince € 1.113.296
Step Up 2 – La strada per il successo € 893.008
21 € 569.691
Ortone e il mondo dei Chi € 520.472
L’altra donna del re € 357.940
Tutti pazzi per l’oro € 329.737
Un amore senza tempo € 317.035
Il cacciatore di aquiloni 314.617
Alla ricerca dell’isola di Nim € 295.258
10° I demoni di San Pietroburgo € 287.403

Nuove uscite: Debutta la parodia 3ciento

 

L'altra donna del Re

 

L’altra donna del Re: Regia di Justin Chadwick con Natalie Portman, Scarlett Johansson, Eric Bana, David Morrissey, Kristin Scott Thomas, Mark Rylance, Jim Sturgess. Genere Drammatico produzione Gran Bretagna, 2008. Durata 115 minuti circa. In programmazione in 84 sale cinematografiche.

 

Enrico VIII regna sull’Inghilterra e desidera un figlio maschio che la moglie, Caterina di Aragona, non sembra essere in grado di dargli. Sir Thomas Boleyn (Bolena per noi italiani) vede nella figlia Anna una potenziale attrattiva per il re che va colta nel momento in cui costui verrà ospitato in casa per una battuta di caccia. Le cose non vanno come l’uomo vorrebbe perchè Enrico viene attratto dall’altra figlia dei Boleyn, Mary, che farà sua amante e da cui avrà un figlio.

 

3ciento – Chi l’ha duro… la vince!: Regia di Jason Friedberg, Aaron Seltzer con Sean Maguire, Carmen Electra, Ken Davitian, Kevin Sorbo, Diedrich Bader. Genere Commedia produzione USA, 2008 Durata 84 minuti circa. In programmazione in 234 sale cinematografiche.

 

Grecia, 480 A.C. Il re spartano Leonida rifiuta di annettere Sparta al già immenso impero persiano. Consultato l’oracolo e contro il parere degli efori, partirà con trecento opliti dal muscolo epico alla volta dello stretto passo delle Termopili. In una lotta impari affronterà lo smisurato esercito di Serse.

 

Un amore senza tempo: Regia di Lájos Koltai con Claire Danes, Toni Collette, Vanessa Redgrave, Patrick Wilson, Hugh Dancy. Genere Drammatico produzione USA, 2007 Durata 117 minuti circa. In programmazione in 148 sale cinematografiche.

 

Tratto dal pluripremiato romanzo di Susan Minot Un amore senza tempo, racconta la storia di Ann Grant Lee che, bloccata a letto da un tumore in fase terminale, ricorda gli episodi salienti della sua vita, a cominciare dall’incontro con l’amore più importante della sua vita, avvenuto in occasione del matrimonio della sua migliore amica. Tra sogno, ricordi e realtà, la donna ne approfitta per fare un bilancio della sua vita.

 

I demoni di San Pietroburgo: Regia di Giuliano Montaldo con Miki Manojlovic, Carolina Crescentini, Roberto Herlitzka, Anita Caprioli, Filippo Timi. Genere Drammatico produzione Italia, 2007 Durata 118 minuti circa. In programmazione in 85 sale cinematografiche.

 

In un giorno di nebbia del 1860, Fjodor Mikhajlovic Dostojevskij varca la soglia dell’ospedale psichiatrico di San Pietroburgo per incontrare un presunto folle, Gusiev, che lo ha contattato per lettera. Al suo amato scrittore, il giovane confessa, pentito, di aver fatto parte del gruppo terroristico che ha da poco assassinato il principe e che sta preparando l’omicidio del granduca. Il progetto prevede l’annientamento dell’intera famiglia imperiale e il solo modo per sventarlo è fermare il capo dei rivoltosi, una donna di nome Aleksandra. Sconvolto da questa notizia, pressato dall’aguzzino a cui deve consegnare un romanzo entro cinque giorni, Dostojevskij ingaggia una lotta con i suoi demoni: la colpa, il dubbio, il passato, la malattia.

Tutti pazzi per l’oro: Regia di Andy Tennant con Matthew McConaughey, Kate Hudson, Donald Sutherland, Ewen Bremner, Alexis Dziena. Genere Commedia produzione USA, 2008 Durata 113 minuti circa. In programmazione in 194 sale cinematografiche.

 

Finn e il suo aiutante Alfonz sono a caccia di tesori. Finn è convinto che sia possibile individuare la localizzazione di un antico galeone spagnolo carico di preziosi. Per fare questo però deve convincere qualcuno ad aiutarlo. Ci prova con l’ex moglie Tess con scarsi risultati fino a quando, per una rocambolesca vicenda, la incontra nuovamente sullo yacht di un riccone, Nigel Honeycut, il quale si interessa al possibile. La caccia può avere inizio. Ma ci sono altri interessati ai forzieri.

 

La sposa fantasma: Regia di Jeff Lowell con Eva Longoria, Paul Rudd, Lake Bell, Lindsay Sloane, Stephen Root. Genere Commedia produzione USA, 2008 Durata 96 minuti circa. In programmazione in 99 sale cinematografiche.

 

Kate sta controllando ossessivamente ogni particolare del ricevimento per il suo imminente matrimonio con Henry, quando viene travolta e uccisa dalla statua di ghiaccio di un angelo, trasportata su un furgone da un autista ubriaco. Un anno dopo, la sorellina di Henry, decisa a fare qualcosa per scuoterlo dal torpore del lutto, gli presenta Ashley, una giovane donna che si divide tra un’impresa di catering e un lavoro da veggente. Scettico riguardo alle sue doti da Cassandra, Henry desidera comunque continuare a frequentarla, perché tra i due è sbocciato in fretta l’amore. Peccato che il fantasma di Kate non abbia nessuna intenzione di lasciarlo migrare nelle braccia di un’altra donna e preferisca dichiarare guerra aperta alla povera Ashley, l’unica, d’altronde, che è in grado di vederla e di comunicare con lei.

Previsioni sugli incassi negli USA

Previsioni 2008/2009

L’estate, per l’intero sistema cinematografico americano, è un pò come il periodo natalizio qui da noi. La rivista statunitense Entertainment Weekly ha stilato allora una fantomatica classifica relativa ai 10 film potenzialmente destinati ad incassare di più.

1. Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo (355.9 milioni di dollari)
2. Le cronache di Narnia: Il Principe Caspian (310.8 milioni)
3. Hancock (280.4 milioni)
4. Wall-E (280.3 milioni)
5. Iron Man (267.7 milioni)
6. Il cavaliere oscuro: The Dark Knight (255.0 milioni)
7. Kung Fu Panda (244.6 milioni)
8. The Mummy: Tomb of the Dragon Emperor (176.5 milioni)
9. L’incredibile Hulk (147.2 milioni)
10. Tropic Thunder (146.6 milioni)

La maggior parte di queste pellicole arriveranno nel nostro Paese non prima di settembre, qualcuna uscirà a breve, qualcun’altra in contemporanea con l’uscita negli States.

Ed allora proviamo a discutere la classifica: Siete d’accordo con il primo posto al ritorno di Indy? E Narnia arriverà davvero all’invidiabile seconda posizione? Il cavaliere oscuro sarà solo sesto? A voi il dibattito.

Nuove uscite: Arriva l’elefante Ortone, tra tavoli da gioco e balli vertiginosi

Ortone e il mondo dei Chi

Ortone e il mondo dei Chi: Regia di Jimmy Hayward, Steve Martino. Genere Animazione, produzione USA, 2008. Durata 88 minuti circa.

Un bizzarro elefante di nome Ortone, dotato di grande fantasia, dopo aver sentito un grido di aiuto proveniente da un granello di polvere, decide di aiutare una microscopica famiglia, i Chi appunto, osteggiati dai loro vicini.

Il matrimonio è un affare di famiglia: Regia di Cherie Nowlan con Brenda Blethyn, Khan Chittenden, Emma Booth, Frankie J. Holden, Rebecca Gibney. Genere Commedia, produzione Australia, 2007. Durata 109 minuti circa.

Jean Dwight in passato è stata sul punto di diventare famosa come stand up comedian. Il matrimonio con un cantante e la nascita di due figli (uno dei quali affetto da handicap) hanno interrotto il suo percorso di artista. Ora lavora come cuoca, ha divorziato e si esibisce in locali di seconda categoria. La sua vita potrebbe scorrere in una malinconica tranquillità se non fosse che il figlio adolescente Tim, che si guadagna da vivere facendo traslochi, conosce proprio nel corso di uno di questi conosce Jill della quale si innamora ricambiato con un’intensità (anche dal punto di vista sessuale) che lo imbarazza.

Step up 2 – La strada per il successo: Regia di Jon Chu con Briana Evigan, Robert Hoffmann, Will Kemp, Cassie Ventura, Adam Sevani. Genere Commedia, produzione USA, 2008. Durata 98 minuti circa.

Andy, la nuova arrivata alla Maryland School of the Arts, ha pochi mezzi ma un obiettivo fermo: partecipare a "the Streets", la più importante competizione di ballo hip-hop di Baltimora. Anche Chase, il ragazzo più ricco e concupito dell’istituto, sogna quella gara, per distinguersi dagli altri e sfidare le convenzioni della scuola. Insieme, vanno a caccia di talenti misconosciuti e formano una "crew", all’insaputa di Blake, fratello di Chase e rigido direttore della MSA.


L’ultima missione:
Regia di Olivier Marchal con Daniel Auteuil, Olivia Bonamy, Catherine Marchal, Philippe Nahon, Francis Renaud. Genere Azione, produzione Francia, 2008. Durata 121 minuti circa.

73 è la sigla di un revolver a sei colpi, micidiale e preciso, in dotazione alla polizia francese negli anni ’70. Schneider è un poliziotto ormai consumato, che sembra non avere più nulla da dare al suo lavoro. Ma gli viene offerta una possibilità per riscattarsi. Ha il compito di proteggere una giovane donna da un assassino che sta per uscire di prigione.

21: Regia di Robert Luketic con Jim Sturgess, Kate Bosworth, Laurence Fishburne, Kevin Spacey, Aaron Yoo. Genere Drammatico, produzione USA, 2008. Durata 125 minuti circa.

Ispirato ad una storia vera, 21 racconta le gesta di Ben Campbell, brillante studente del Mit che, per raggranellare i soldi necessari a pagarsi l’università, decide di unirsi a un gruppo scelto di cervelloni che ogni settimana, dotati di false identità, saccheggiano i casinò di Las Vegas grazie alla loro abilità nel gioco del Blackjack, guidati da Micky Rosa, un geniale e ben poco ortodosso professore, capace di elaborare un sistema infallibile per vincere, basato su segnali e conteggi matematico-probabilistici applicati al gioco.

L’amore non basta: Regia di Stefano Chiantini con Giovanna Mezzogiorno, Alessandro Tiberi, Rocco Papaleo, Marit Nissen, Alessandro Haber. Genere Drammatico, produzione Italia, 2008. Durata 84 minuti circa.

Martina è un’assistente di volo a tempo pieno e studentessa a tempo perso. Durante un volo di linea conosce Angelo, un ragazzo timido e introverso che come lei vive in un piccolo paese dell’Abruzzo. Rinvenuto il suo diario, Martina decide di restituirglielo. Quello che sembrava un oggetto dimenticato si scoprirà invece un rinnovato voto d’amore.

10 cose di noi: Regia di Brad Silberling con Morgan Freeman, Paz Vega, Jonah Hill, Alexandra Berardi, Bobby Cannavale. Genere Drammatico, produzione USA, 2006. Durata 82 minuti circa.

Un attore che si sta preparando per interpretare il ruolo del suo prossimo film viene a contatto con la commessa di una drogheria e da quel momento entrambi saranno coinvolti dalla curiosità per la scoperta dei rispettivi mondi.

La velocità della luce: Regia di Andrea Papini con Patrick Bauchau, Peppino Mazzotta, Beatrice Orlandini. Genere Drammatico, produzione Italia, 2008. Durata 90 minuti circa.

Un’autostrada. Un ladro d’auto ipocondriaco, un chirurgo ambiguo, una giovane telefonista maliziosa e sprovveduta, che si innamora di una voce. Una valigia piena di strumenti chirurgici antichi e tantissime gallerie. Sono questi gli elementi che si mescolano nel film La velocità della luce, un noir velato di humor freddo, dove i protagonisti sono artefici e non vittime del loro destino, inseguiti dai propri fantasmi. Tutti e tre si infilano in un tunnel senza uscita, che li attrae disegnando un triangolo ambiguo, in bilico tra innocenza ed erotismo, che li risucchierà alla fine in una trappola mortale.

Fonte: My Movies